GRUPPO DI STUDIO SULLE TRADIZIONI VIOLENTE
GRUPPO DI STUDIO SULLE TRADIZIONI VIOLENTE

Home | presentazione

Implicazioni psicologiche
Il senso morale del bambino
Comportamento crudele del bambino
Baby killers
Dichiarazione degli psicologi

Il circo con animali
Cos'è
I metodi d'addestramento
La parola ai circensi
Animali in catene
Le conseguenze fisiche, psicologiche e gli abusi
Gli incidenti
I finanziamenti pubblici
Le ordinanze
Divieti di attendamento in Italia
Alcuni dati a livello mondiale

Le fiere ornitologico venatorie
Cosa sono
Chi è la FIMOV
La FIMOV entra nelle scuole

Richiami vivi
Cosa sono
Divieti: Parma
Divieti: Regione Piemonte

Finanziamenti pubblici:
Contributi Regione Veneto

Delibera della Giunta
Beneficiari
Breve spiegazione

Contributi del Comune di Brescia

Veneto: norme e privilegi per la caccia
Legge Nazionale sulla caccia

Comunicati stampa
Richiami vivi dopati
Importazione illegale
Condanne per maltrattamento

Chi siamo

Contatti

LE FIERE ORNITOLOGICO VENATORIE: COSA SONO

Le fiere ornitologico venatorie sono manifestazioni aperte a tutti, organizzate da associazioni di cacciatori.

Queste fiere, organizzate perlopiù dalla F.I.M.O.V. (Federazione Italiana Manifestazioni Ornitologico Venatorie) hanno sempre inizio nelle prime ore del mattino con una gara di uccelli da richiamo. [Leggere la sezione "Richiami vivi" per i dettagli più cruenti di questa pratica.]
Normalmente in tarda mattinata, si premia il cacciatore che detiene il richiamo con il miglior canto.

All’interno degli spazi della fiera si trovano stand di cacciatori che vendono armi da sparo e da taglio vicino alle giostre per i bambini e lo zucchero filato. Una sfida al limite della legalità. Cacciatori e armi insieme a famiglie e bambini.

Un accostamento molto pericoloso perché non si può ignorare il fatto che in queste fiere venga presentata ai giovani la violenza verso i più deboli sotto forma di gioco, venga insegnato loro cioè che è lecito ed è buona cosa provocare dolore fisico e psicologico (fino alla morte) ad altri esseri viventi a scopo ludico.

Inoltre c’è sempre una mostra mercato in cui si vendono piccoli animali da cortile (non mancano mai galli, galline, pulcini, conigli). Tutti questi animali vengono tenuti ammassati uno sopra l’altro in gabbie minuscole, senz’acqua e spesso sotto il sole per tutta la giornata. Abbiamo persino udito bambini chiedere ai propri genitori come potevano stare così tante galline tutte insieme in una gabbia, mettendoli chiaramente in difficoltà in quanto incapaci di dare una risposta sensata.
Si tratta di un mercato che rappresenta pienamente l’epoca medievale, nella cui società non si era ancora sviluppato un senso morale collettivo di solidarietà nei confronti di esseri viventi senzienti quali sono gli animali. Mentre dalla semplice domanda del bambino emerge chiaramente lo stupore di fronte a un gesto violento come quello di stipare tante galline in una gabbia.

E' nostro dovere morale proteggere i più giovani da queste tradizioni che non rispecchiano più il pensiero di un Paese moderno e civilizzato e rendere attente le autorità sulla pericolosità di tutti i modelli che istigano alla violenza già in tenera età.

@ Contatti: info@tradizioniviolente.org
web: ganodesign