GRUPPO DI STUDIO SULLE TRADIZIONI VIOLENTE
GRUPPO DI STUDIO SULLE TRADIZIONI VIOLENTE

Home | presentazione

Implicazioni psicologiche
Il senso morale del bambino
Comportamento crudele del bambino
Baby killers
Dichiarazione degli psicologi

Il circo con animali
Cos'è
I metodi d'addestramento
La parola ai circensi
Animali in catene
Le conseguenze fisiche, psicologiche e gli abusi
Gli incidenti
I finanziamenti pubblici
Le ordinanze
Divieti di attendamento in Italia
Alcuni dati a livello mondiale

Le fiere ornitologico venatorie
Cosa sono
Chi è la FIMOV
La FIMOV entra nelle scuole

Richiami vivi
Cosa sono
Divieti: Parma
Divieti: Regione Piemonte

Finanziamenti pubblici:
Contributi Regione Veneto

Delibera della Giunta
Beneficiari
Breve spiegazione

Contributi del Comune di Brescia

Veneto: norme e privilegi per la caccia
Legge Nazionale sulla caccia

Comunicati stampa
Richiami vivi dopati
Importazione illegale
Condanne per maltrattamento

Chi siamo

Contatti

La F.I.M.O.V. ENTRA NELLE SCUOLE

Nel 2005 la FIMOV, camuffata da AORFU CULT (Associazioni Ornitologiche Riunite Fiere Uccelli), riceve un contributo dalla Regione Veneto di più di 8.000 Euro per insegnare nelle scuole elementari, medie inferiori e superiori della Provincia di Treviso.

Riportiamo parte del testo del volantino pubblicitario intitolato “A lezione di fauna – I nostri animali selvatici e il loro habitat” (in grassetto i nostri commenti):


Target consigliato: dalla III elementare, medie inferiori e superiori.

Proprio l’età in cui si forma lo sviluppo morale dei bambini, che apprendono per imitazione i comportamenti dei genitori, dei nonni, degli insegnanti… Il mondo della caccia, e quindi della violenza gratuita, entra in modo subdolo nella vita dei bambini proprio attraverso la scuola.

Progetti: distribuzione nei plessi scolastici di cassette nido per la reintroduzione nel territorio di specie scomparse…

Tuttavia molte specie stanno scomparendo proprio a causa dell’attività di caccia selvaggia concessa ai cacciatori che non fanno altro che chiedere di allargare sempre più la lista delle specie cacciabili e allungare la stagione venatoria.

… e di mangiatoie per l’alimentazione invernale degli animali presenti.

Gli stessi animali a cui i cacciatori durante la stagione invernale sparano senza pietà.

Sempre sul volantino si legge che gli organizzatori del corso si propongono di far conoscere in modo generico ai bambini e ragazzi la fauna terrestre nel suo habitat; riconoscere anche dal vivo e conoscere le abitudini di alcuni volatili e mammiferi; distribuiscono materiale, allestiscono mostre, organizzano escursioni, raccontano leggende, aneddoti, proverbi, modi di dire, tradizioni…

“Tutto questo per conoscerli meglio, per amarli e aiutarli di più” riporta il volantino pubblicato sul sito ufficiale della FIMOV (www.fimov.it/images/lezionefauna.jpg).

Ci si chiede in quale modo i cacciatori possano insegnare a dei bambini ad amare ed aiutare gli animali selvatici quando per passione utilizzano il fucile per sparargli ed ucciderli senza pietà.

Inoltre, Luca Zaia, Presidente della Provincia di Treviso, spiega che una politica di conservazione e salvaguardia della fauna e dell’ambiente risulta più efficace quando è conosciuta e condivisa da tutti i cittadini. “L’offerta didattica della Provincia”, aggiunge, “è particolarmente ampia e regala sorprese stimolanti come l’incontro con cervi e caprioli o la liberazione dei camosci. Ancora una volta la Provincia si pone dunque come polo attrattivo e di interazione tra gli esperti in materia faunistica e ambientale e il mondo della scuola, ad ulteriore dimostrazione di come abbia sempre a cuore l’ambiente e la trasmissione dei valori legati alla tutela e al rispetto del nostro territorio.”

Ci sfugge quale sia la politica di conservazione e di salvaguardia dei cacciatori.

I camosci liberati sono gli stessi a cui i cacciatori poi sparano durante la stagione di caccia.

Verrebbe spontaneo pensare che il Presidente della Provincia di Treviso sia un amante dell’attività venatoria visto che quale unico riferimento sul volantino distribuito nelle scuole appare la FIMOV (Federazione Italiana Manifestazioni Ornitologico Venatorie) con tanto di numeri di telefono, fax, indirizzo web e indirizzo di posta elettronica.
E ancora, secondo il Presidente i veri esperti in materia faunistica e ambientale sono i cacciatori. Sarebbero proprio loro ad avere a cuore l’ambiente e la trasmissione dei valori legati alla tutela e al rispetto del nostro territorio. Davvero strabiliante… Dalla letteratura invece risulta che i cacciatori stiano inquinando l’ambiente con quintali di piombo ogni anno e stiano dando un grosso colpo di mano nell’estinzione di alcune specie di animali.

Questo parrebbe a tutti gli effetti un volantino per avvicinare in modo subdolo i giovani all’attività preferita dalla FIMOV, ovvero la caccia. Sennò non si spiegherebbe perché questi corsi siano stati organizzati in collaborazione con dei cacciatori.

Anzi, per dirla tutta sembrerebbe una presa in giro nei confronti dei cittadini e dei genitori che confidano nelle autorità per dare ai loro figli un’educazione fondata su sani principi quali la solidarietà nei confronti del più debole e invece non sanno che i loro soldi vengono utilizzati per assumere quali “insegnanti” persone che nel loro tempo libero amano girare armate di fucile per uccidere esseri viventi indifesi …

In ogni caso non si spiega come mai un ingente contributo Regionale destinato all’educazione di bambini e studenti sia finito nelle tasche dell’organizzazione più potente di fiere ornitologico venatorie, formata unicamente da cacciatori spietati. Numerose associazioni ambientaliste pacifiche, che vantano esperti in materia di fauna e ambiente, avrebbero fornito un servizio serio gratuitamente.

@ Contatti: info@tradizioniviolente.org
web: ganodesign